Fracchie

San Marco in Lamis (FG)

Le fracchie sono grandi torce di varie dimensioni ed hanno la funzione di illuminare il percorso della Madonna nella ricerca del proprio figlio Gesù

A San Marco in Lamis (FG), entroterra del Gargano, da circa quattro secoli ogni anno, la sera del venerdì Santo, si svolge uno dei riti religiosi più suggestivi dell’intero panorama della Regione Puglia, la processione delle fracchie che attira diverse migliaia di visitatori, dall’Italia e dall’estero, incuriositi e affascinati dall’evento, accompagnato da un misticismo religioso profondo.

Le fracchie sono grandi torce di varie dimensioni, le più grandi sfiorano 10-15 mt di lunghezza, con una bocca dal diametro di circa 2 mt. Queste sono costituite da un tronco tagliato longitudinalmente e riempito di rami, sterpi, schegge di legno fino a realizzare un falò di forma conica appoggiato su appositi carrelli in ferro.

Le fracchie hanno la funzione di illuminare il percorso della Madonna nella ricerca del proprio figlio Gesù.

Le origine di questo rito risalgono ai primi anni del XVIII secolo, epoca della edificazione della chiesa dell’Addolorata e le sue ragioni, oltre che religiose, sono collegate ad esigenze pratiche e funzionali; trovandosi la chiesa fuori le mura della città, i fedeli hanno pensato di illuminare proprio con le fracchie la via che la Madonna doveva percorrere per raggiungere il corpo di Gesù. Negli anni si è rafforzato sempre più il sentimento e la fede dei credenti nei confronti della Madonna, facendo diventare la processione delle fracchie uno dei riti più singolari e sentiti della Settimana Santa pugliese, riconosciuto già come Meraviglia Italiana.

error: © Lorenzo Di Candia